Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Facebook Twitter YouTube RSS
Home Cucini Bruci una pizza? La pizzeria ti mette alla gogna
formats

Bruci una pizza? La pizzeria ti mette alla gogna

Pubblicato il 20/02/2018 in Cucini, Mangi

Cosa succede nelle pizzerie quando qualcuno brucia una pizza? Rimproveri pubblici? Scenate in cucina? Mestoli e mattarelli che volano? In una pizzeria dell’Idaho (USA) hanno risolto il problema in modo molto ‘democratico’. Bruci una pizza? La gogna pubblica è quello che ti meriti. Ti infili una grande maglia arancione con sopra scritto “Ho bruciato una pizza” e fai per 5 volte il giro del locale.
L’idea è venuta a Lloyd Parrott, proprietario di Pesto’s Pizza, locale della ridente cittadina di Boise, città più popolosa dello Stato dell’Idaho: “Fondamentalmente facciamo tutto a mano qui. È molto difficile, abbiamo un forno a 600 gradi non molto stabile e se se non si sta attenti le pizze si bruciano. La casacca arancione era un modo per ricordare a tutti noi di non bruciare le pizze.”
Il primo a dover indossare la maglia arancione e ad essere sottoposto a questa nuova forma di gogna pubblica ha pagato a caro prezzo la poca attenzione al tempo che passava, mentre chiacchierava con i suoi colleghi: “Ho aspettato un po’ troppo a lungo e l’ho cotta troppo, così ho dovuto indossare la maglia e iniziare i giri.

Ho bruciato una pizza: la gogna pubblica

Un modo divertente di fare gruppo e di sottolineare le responsabilità di chi lavora: “Siamo tutti buoni amici. Ci divertiamo. È un lavoro molto duro, lo adoriamo tutti, quindi perchè non possiamo essere duri l’uno con l’altro? Sai che ci divertiremo un po’ tutti qui, è tutto molto divertente“, ha detto Parrott.
Dopo aver pubblicato su Facebook la punizione che si deve aspettare chiunque bruci una pizza nel suo locale, Parrot è stato oggetto di servizi giornalistici ed addirittura una troupe della televisione di stato ha deciso di accendere le telecamere su quanto avveniva al Pesto’s Pizza.
Accadrà di nuovo. Tieni gli occhi aperti. Uno di noi sarà di nuovo là fuori “, ha detto Parrott ma, intanto, l’ultimo post su Facebook del 13 febbraio riportava un nuovo record del locale: 9 giorni senza bruciare una pizza.

9 giorni senza bruciare pizze

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn