Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Facebook Twitter YouTube RSS
Home Fai Un ristorante cinese usava oppio per condire i piatti e fidelizzare i clienti!
formats

Un ristorante cinese usava oppio per condire i piatti e fidelizzare i clienti!

Pubblicato il 22/10/2014 in Fai, Mangi

Ancora una notizia incredibile dalla Cina.
Un ristoratore è stato arrestato dalla polizia perché accusato di aggiungere oppio ai suoi piatti per creare dipendenza negli avventori al fine di farli diventare clienti affezionati del suo locale.
Il fatto è venuto alla luce dopo che un ragazzo, il ventiseienne Liu Juyou è stato fermato mentre era alla guida della sua auto durante un controllo anti-stupefacenti. Il ragazzo è stato arrestato perché trovato positivo ad un test dell’urina.
Il giovane non è riuscito a convincere la polizia della sua innocenza ma è stata la sua famiglia a indagare. Infatti i familiari sono andati a mangiare nel ristorante dove era stato il ragazzo e poi hanno fanno il test delle urine che è risultato positivo alla droga. Sono andati alla polizia che ha aperto un’indagine sul ristorante.
Ma qui viene il bello. Il proprietario del locale, interrogato dagli agenti, ha ammesso di avere comprato circa due chili di semi di papavero oppiaceo (per la cifra di circa 70 euro) e di usarli per condire i suoi piatti!!!
Beffa delle beffe, per il giovane Liu non c’è stato nessuno “sconto” di pena: la multa per guida sotto l’effetto di oppiacei gli è stata comunque confermata perché è stato ritenuto irrilevante il fatto che lui avesse assunto quelle sostanze intenzionalmente o no.
Resta grave la colpa del ristoratore. Cosa non si fa per crearsi una clientela “affezionata”!!!!!

piatto tipico cinese

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn