Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Facebook Twitter YouTube RSS
Home Fai La leggenda del bacio sotto al vischio
formats

La leggenda del bacio sotto al vischio

Pubblicato il 25/12/2013 in Fai

Perché ci si bacia sotto al vischio durante le feste natalizie? E soprattutto perché si pensa che porti fortuna?
La leggenda del bacio sotto al vischio affonda le sue radici molto lontano nel tempo.
I Druidi celti attribuivano al vischio grande potere perché essendo una pianta aerea, che non ha radici ma vive attaccata al tronco degli alberi, era considerata una manifestazione degli dei che vivono in cielo. Il fatto di toccare l’umana terra avrebbe voluto dire perdere i propri poteri miracolosi.

Vischio

Ma soprattutto il vischio è la pianta associata alla dea del paganesimo germanico Frigg (o Frigga), moglie di Odino, comunemente considerata la protettrice dell’amore e degli innamorati. La leggenda narra che la dea aveva due figli, Balder e Loki. Il secondo, invidioso, voleva uccidere il fratello, buono e amato da tutti. Venuta a sapere la cosa, Frigg cercò di proteggere Balder e chiese a Fuoco, Acqua, Terra, Aria e a tutti gli animali e le piante di giurare la loro protezione per l’incolumità del figlio. Loki però scoprì che la madre non si era rivolta a una pianta, il vischio appunto. Intrecciando i rami del vischio costruì quindi un dardo appuntito e lo diede al dio cieco dell’inverno che lo tirò dal suo arco e lo tirò uccidendo Balder.
Gli elementi del Cielo e della Terra si rattristarono per la morte di Balder e per tre giorni e tre notti tentarono di riportarlo in vita senza successo. Disperata, Frigg pianse sul corpo del figlio. Magicamente le lacrime della madre a contatto con il dardo fatto di vischio diventarono le bacche perlate della pianta e, quando queste toccarono il corpo di Balder, egli riprese vita. Frigg, felice, ringraziò chiunque passasse sotto l’albero su cui cresceva il vischio con un bacio.
Da allora la leggenda vuole che, chi sta sotto il vischio, si baci per avere la sua protezione come simbolo di vita e dell’amore che vince la morte.

Bacio sotto al vischio
Nel Cristianesimo la simbologia è stata mantenuta e il vischio continua a simboleggiare fortuna, amore e protezione. Per questo è usanza regalarlo durante il periodo natalizio, usarlo come decorazione su pacchi e pacchetti o da appendere su una porta di casa come buon auspicio.
Se due innamorati si baciano sotto un ramo di vischio terranno lontane le difficoltà.
Buon Natale a tutti!

Bacio sotto vischio 2

 

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn