Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Facebook Twitter YouTube RSS
Home Fai Un uomo mangia le proprie mutande per aggirare l’etilometro!
formats

Un uomo mangia le proprie mutande per aggirare l’etilometro!

Pubblicato il 10/12/2013 in Fai

Cosa non si fa per ingannare l’etilometro se si è bevuto troppo! Sentite questa.
E’ accaduto pochi giorni fa in Canada dove un uomo di nome David Zurfluh della città di Stettler ha tentato di mangiarsi le proprie mutande credendo di riuscire ad abbassare il tasso di alcool rilevato dall’etilometro!
Questi i fatti. Una pattuglia della polizia aveva notato che l’auto guidata da Zurfluh procedeva in modo incerto lungo l’autostrada. Quando il conducente si è accorto della presenza della polizia si è fermato e ha cercato di scappare a piedi. I poliziotti hanno bloccato il ragazzo e lo hanno fatto salire sulla volante per condurlo alla centrale e sottoporlo al test dell’etilometro. Ma qui è accaduto l’inaspettato, il giovane è riuscito a strapparsi le mutande per poi infilarsele in bocca masticandole per un po’ per poi sputarle. Durante il  processo, il ragazzo ha spiegato di aver fatto quel gesto convinto che il cotone avesse assorbito l’alcool. Un’idea piuttosto strana, ma come gli sarà venuto in mente? La stessa domanda devono essersela fatta anche le persone che si trovavano in tribunale e che sono prontamente uscite fuori dall’aula per evitate di scoppiare in una sonora risata.
Comunque sia, il trucchetto di mangiarsi le mutande non ha funzionato e quindi a Zurfluh è stato rilevato un tasso alcoolico molto superiore allo 0,08 che è il limite di legge in Canada.

mutande

notizia su David Zurfluh

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn