Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Facebook Twitter YouTube RSS
Home Fai Un ristorante che cucina solo piatti dei Paesi “nemici” degli USA!
formats

Un ristorante che cucina solo piatti dei Paesi “nemici” degli USA!

Pubblicato il 19/09/2013 in Fai

Di ristoranti strani è pieno il mondo e noi spesso ve ne abbiamo mostrati alcuni davvero curiosi. Ma non siamo sazi, soprattutto se a stuzzicare l’appetito è un posto la cui filosofia è davvero… strana!
A Pittsburgh, Pennsylvania, c’è un ristorante che si chiama “Conflict Kitchen” e la ha una particolarità: cucina solo piatti tipici di Paesi in conflitto con gli Stati Uniti.
Sia l’immagine esterna sia la cucina cambiano spesso, vengono infatti rinnovate ogni pochi mesi al fine di offrire una migliore conoscenza e approfondimento su un particolare Paese per ragioni diverse in conflitto con gli States. Per dovere di cronaca vi segnaliamo che finora sono state passate in rassegna le cucine di Cuba, Afghanistan, Venezuela e Iran (le vedete nella prima immagine qui sotto).
Ma qual è il motivo che ha spintogli ideatori di questo singolare progetto culinario? Sembra che alla base ci sia l’intenzione di stimolare il dibattito su Paesi che la maggior parte degli americani conoscono molto poco e solo superficialmente. In più si vuole stimolare una discussione sulla semplificazione dei media: a questo fine i cibi sono spesso incartati con ritagli che riportano interviste di politici americani sulle relazioni internazionali.
L’auspicio è che una migliore conoscenza reciproca possa aiutare a migliore le relazioni.
Altro che semplice ristorante etnico!

Conflict Kitchen 1

Conflict Kitchen: esterno

Conflict Kitchen: interno

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn