Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Facebook Twitter YouTube RSS
Home Fai Un uomo viaggia in aereo chiuso in un sacco di plastica!
formats

Un uomo viaggia in aereo chiuso in un sacco di plastica!

Pubblicato il 19/04/2013 in Fai

Una foto curiosa, che vi riportiamo qui sotto, ha fatto il giro della rete in breve tempo scatenando commenti tra il divertito e l’incredulo!
Nell’immagine, postata su Reddit, si vede un passeggero seduto su un aereo rinchiuso in sacco di plastica trasparente. Ovviamente da tutti gli utenti dei social network sono piovute le inevitabili domande: Chi è? E perché mai viaggia avvolto in quel sacco?
Dopo decine e decine di “post” è venuta fuori la risposta più probabile: quell’uomo sarebbe un ebreo ortodosso, uno dei “kohanim”, cioè un discendente diretto dei sacerdoti dell’antico Israele.
Secondo le Sacre Scritture, ai “kohanim” sarebbe vietato entrare in contatto con cimiteri (tranne nel caso di funerali di patenti stretti) e con i morti, tutto ciò per preservare la loro purezza (kedushah) superiore alla media!
Ecco spiegato il perché del sacco di plastica: per evitare che i “kohanim” in questione entrino in contatto con le impurità dei morti qualora l’aereo sorvolasse un cimitero!
Nota di cronaca: la compagna di bandiera israeliana El Al, visto l’aumento di persone che viaggiano avvolte in sacchetti di plastica, ha introdotto una norma che vieta ai passeggeri di salire sugli aerei avvolti nella plastica per motivi di sicurezza: sarebbe un  po’ difficile per un passeggero così “imbustato” indossare la maschera di ossigeno o raggiungere rapidamente l’uscita di sicurezza!!

Ebreo in sacchetto di plastica

 
 Share on Facebook Share on Twitter Share on Reddit Share on LinkedIn